27 Mar, 2017

Alimentazione Cane

Come per noi umani anche per i nostri amici il rituale alimentare è un momento molto importante nella giornata. Questo momento, spesso, rappresenta spesso un punto di contatto, un modo per creare rapporto, per rafforzare l’empatia tra la coppia.

Educazione alimentare: Cos’è e perché attuarla.

Essa rappresenta uno dei tasselli fondamentali per la costruzione di un rapporto virtuoso, momento di contatto importante ci aiuta ad migliorare l'empatia col nostro amico pelosetto. L’obiettivo è quello di insegnare al nostro amico un po’ di “bon ton canino”.

Per far ciò ci sono alcuni piccoli accorgimenti da prendere e alcune regole da attuare:

  • Rendere unico il momento della pappa, per far ciò la ciotola deve rappresentare un oggetto importante, di grande interesse per il nostro Fido.
  • per arrivare a questo primo step potremmo presentare la ciotola 2-3 volte al giorno, per un periodo di tempo limitato (10-15 min),
  • Il cane assocerà la presenza della ciotola  ad un momento raro e di breve durata, passato quel momento, scompare, e sarà presentata al pasto successivo.
  • Agendo costantemente in questo modo rafforziamo la convinzione che questo momento è raro e non si presenta facilmente, quindi una volta proposta difficilmente rinuncerà.
  • Lo possiamo far aspettare e/o sedere prima del pasto, e dare noi il “vai alla ciotola” in questo modo alleneremo gli autocontrolli (capacità di saper attendere) di Fido, che estenderà le competenze in diversi momenti della giornata e della sua vita.
  • Per accreditare la ciotolina è necessario metterla via al fine di ogni pasto (10-15 min max) presentandola al pasto successivo.

 

Caratteristiche qualitative dell’alimento.

È un aspetto di fondamentale importanza attenzionare la qualità del prodotto che somministriamo. Partiamo dal presupposto che il cane viene classificato come carnivoro opportunista e quindi sarà in grado di digerire prevalentemente proteine di origine animale, riscontrando qualche difficoltà nella digestione dei carboidrati (pane e pasta in particolar modo). Sono quindi da evitare prodotti con elevate percentuale di granaglie.

L’industria alimentare del PetFood negli ultimi anni ha fatto passi da gigante e ciò lo si riscontra nella varietà dell'offerta proposta. Esistono prodotti mirati per ogni fase di vita del nostro Fido.

Mangimi per cuccioli, (“Puppy e Junior”) accompagnano il soggetto dallo svezzamento fino al primo anno d'eta circa, presentano elevate percentuali proteiche e di minerali come il ferro il calcio e il fosforo, al fine di garantire un corretto sviluppo neuronale e muscolo-scheletrico.

Al compimento del primo anno di età il Mantenimento, ("Adult") garantisce al soggetto una dieta sana ed equilibrata da dare in età adulta (fino ai 7-8 anni circa), permette di svolgere in piena salute ogni tipo di attività con conseguenti elevati standard di benessere e di qualità della vita.

E per i nostri anzianotti?

Il periodo senile è un periodo delicato, come per noi umani il metabolismo rallenta, si tende ad essere meno propositivi alle attività e in generale più pigri. Alimenti con ridotto tenore in proteine e grassi ("Mature & Senior"), alleggerendo le funzioni dell'apparato gastrointestinale assecondano le esigenze metaboliche del cane anziano aiutandolo a prevenire patologie, garantendo elevati standard di benessere e longevità.

Anche per i nostri amati cagnetti possono esserci piccoli imprevisti, e col tempo possono andare incontro a varie patologie.

Gli alimenti dietetici aiutano quei cani affetti da patologie croniche o acute, essi fungono da co-terapie (terapie di supporto alle terapie tradizionali) aiutando a velocizzare il decorso di varie malattie tra cui: insufficienza renale, problemi al fegato, al tratto urinario, obesità, problemi gastrointestinali e molto altro ancora.

 

Rispettare una corretta educazione alimentare stando attenti alla qualità dei prodotti che diamo al nostro Fido, garantisce elevati standard di benessere al nostro amico, oltre ad un migliore stato sanitario e psicofisico…. Del resto, siamo ciò che mangiamo!

Read 279 times